C2: Altro brusco stop per i nostri ragazzi

image


Castellamare di Stabia
- Sono stati gli arbitri i veri protagonisti dello scontro al vertice della decima giornata del girone di qualificazione. Di fronte le squadre in testa alla classifica del girone: l’esperta formazione dello Stabia guidati da capitan Ruggiero, vera anima di questa squadra e la nostra giovane squadra giunta a Castellamare con nove decimi della formazione composta da Under.

Peraltro oltre all’importante assenza di Nucci, si sono aggiunte quelle di Dario Silletti (classe ’92 infortunatosi nell’allenamento del venerdì) e di Alessio De Bartolo (il due metri anch’egli del 92 colto da febbre in nottata), con Losito in panchina per onor di firma in quanto colto da malore durante il viaggio e Racanelli convocato per "avvicinarsi" al clima di gara (assente da due mesi per infortunio) che è stato costretto a giocare per ben 19’.

Sostenuto da un pubblico caldo e rumoroso, giusta cornice per una gara al vertice, lo Stabia parte con veemenza ed approfittando dell’emozione e del timore dei nostri ragazzi, in meno di due minuti di gioco si porta sul 10-0. Coach Cotrufo, come suo solito mantiene la calma e chiama un salutare time out che serve a scrollare ai ragazzi il timore reverenziale e l’emozione di giocare difronte ad un pubblico così rumoroso.

Infatti i nostri ragazzi rientrano in campo con il giusto atteggiamento e recuperano lo svantaggio chiudendo il quarto sotto di sole tre lunghezze (21-18).

Nel secondo quarto di gioco le squadre si affrontano a viso aperto, i padroni di casa sfruttano la mancanza di lunghi tra le nostre fila e realizzando spesso su doppi tiri, mentre la nostra squadra rispondone giocando sul perimetro e realizzando con l’intero collettivo (nel quarto realizzano Skara 8, Acito 3, Racanelli 2, Ambrosecchia 4, Troisi 5, D’Ercole 2). Al 12’ per la prima volta ci portiamo in vantaggio (24-25), restendo avanti con scarti minimi per l’intera durata del quarto, fino al pari (42-42) giunto con una tre tiri liberi realizzati da Olivieri.

Dopo l’intervallo lungo i nostri ragazzi dettano un ritmo diverso alla gara, raggiungendo un vantaggio massimo di 8 lunghezze (46-54). A questo punto la gara viene rovinata dalla coppia arbitrale in cerca di protagonismo. Infatti viene inspiegabilmente fischiato un fallo tecnico al giovane Tralli (1994), seduto in panca, reo di aver alzato "il sedere dalla panca" per esultare compostamente dopo la realizzazione di un compagno di squadra.

Accompagnati dal calore del pubblico, accalcato alle spalle di una balaustra in movimento, che spesso raggiungeva la prossimità della linea laterale, un vero uomo in più in campo, gli arbitri hanno fischiato di seguito: fallo antisportivo ad Ambrosecchia, tre falli in attacco ed una serie di infrazioni che, oltre a condizionare l’esito finale della gara, fino a quel momento bella ed avvincente, hanno reso la stessa un monologo da parte dei padroni di casa. Gli stabiesi, saggiamente, hanno intuito l’atteggiamento dei direttori di gara ed hanno accentuato il gioco "duro" su tutto il perimetro di gioco piazzando, nel giro di 4’, un parziale di 22-3 alla nostra squadra intimorita sia dal frastuono del pubblico che da quanto succedeva in campo.

L’ultimo quarto di gara riprendeva con i padroni di casa in vantaggio di 11 lunghezze (68-57). Cotrufo cerca di dare coraggio ai suoi, mentre coach Scognamiglio non concedere sconti. I nostri tentano di recuperare, al 35 si portano a -7 (72-65). Con il possesso di palla viene fischiato un altro fallo in attacco ad Ambrosecchia, che lascia il terreno di gioco (5° fallo). Nelle tre azioni successive recuperiamo palla in difesa, ma la realizzazione viene impedita per infrazioni e quando Skara realizza la stessa viene annullata per uno sfondamento all’interno del semicerchio sotto le plance. Da quel momento, con il morale sotto le scarpe è solo Stabia a giocare, che con un parziale di 17-0 negli ultimi 3’ di gioco, chiude la gara.

Coach Cotrufo come suo costume, non parla dell’arbitraggio, specialmente dopo una sconfitta, ed analizza la gara sotto il profilo tecnico:"Nonostante l’assenza di Nucci, Silletti e De Bartolo, i nostri lunghi a supporto di Skara, la squadra ha lottato alla pari con gli avversari, che oggi ci davano parecchi centimetri. Poi è c’è stata confusione in campo ed è diventato difficile giocare. Ovviamente, in questi casi, a pagare è sempre la squadra meno esperta e, in questo caso, siamo noi. Per come abbiamo giocato il risultato mi sembra troppo pesante, anche se negli ultimi minuti i ragazzi, intimoriti, non hanno ne attaccato ne difeso".

Nel prossimo turno di campionato un’altra difficile gara per i nostri ragazzi che saranno impegnati in casa il Casavatore che dovrà riscattare il brutto passo falso casalingo.



Questi i tabellini di gara:



NUOVA POL STABIA EOSOLARE 89-65

Nuova Pol. Stabia: Olivieri 6, Amendola, Tsvetanov ne, Starace n.e., Salvatore 20, Gaudino, Campanile 25, Ruggiero29, Somma 6, Marino 4. All. Scognamiglio.

Eosolare: Acito 10 D’Ercole 2, Paternoster, Ambrosecchia 18, Racanelli 4, Skara 24, Vignola 2, Troisi 5, Losito n.e., Tralli n.e. All. Cotrufo

Arbitri Palmieri di Caserta e Leggiero di S. Tammaro (CE).

Progressione: 21-18; 21-24 (42-42); 26-15(68-57); 21-8 (89-65).



Classifica dopo la 10° giornata



Punti

G

V

P

F

S

Diff.

Media

NUOVA POL STABIA

16

10

8

2

743

642

101

+3

EOSOLARE

14

10

7

3

712

661

51

+3

PROLOCO SCAFATI

14

10

7

3

638

596

42

+2

VBF CASAVATORE

12

10

6

4

695

694

1

+1

AS SAVOIA BASKET

10

10

5

5

661

664

-3

-1

AREA 101 ARZANO

8

10

4

6

706

741

-35

-1

BASKET TELESE TERME

4

10

2

8

677

715

-38

-3

OVATTIFICIO FORTUNATO

2

10

1

9

581

700

-119

-4



piellematera.it
Pielle Matera
Associazione Polisportiva Dilettantistica
Via Lucana 247 bis
c/o Oratorio Chiesa S. Rocco
75100 Matera
Basilicata - Italy

Tel. +39 0835 314372

» Email

Mappa